La fortuna dei Baccanali di Tiziano nell’arte e nella letteratura del Seicento

  • a cura di Stefan Albl e Sybille Ebert-Schifferer

  • Collana
    Quaderni della Bibliotheca Hertziana
  • Anno
    2019
  • Pagine
    320, con oltre 130 illustrazioni a colori
  • Formato
    16,5 × 24 cm
  • ISBN
    978-88-85795-30-3

  • Prezzo
    € 50,00 € 47,50 Sconto 5%

L’opera

In seguito alla devoluzione del Ducato di Ferrara alla Santa Sede nel 1598 giunsero a Roma i cosiddetti Baccanali di Tiziano. Il Festino di Venere, gli Andrii e Bacco e Arianna entrarono così nella collezione del cardinale Pietro Aldobrandini. Quali furono le ripercussioni che i Baccanali esercitarono a partire dal loro arrivo a Roma sulla produzione artistica e let­teraria? Il presente volume offre un’analisi appro­fondita delle loro imitazioni ed emulazioni da parte di alcuni dei maggiori artisti ed intellettuali del ­Seicento, tra cui Annibale Carracci, Domenichino, ­Nicolas Poussin, François Du Quesnoy, Joachim von Sandrart e Giovan Pietro Bellori. L’esame delle interrelazioni fra artisti di varie nazionalità in seguito allo studio dei Baccanali consente inoltre una migliore comprensione dell’impatto delle opere di Tiziano sulla produzione artistica nel contesto romano ed extra romano e dimostra l’epocale importanza dei capolavori di Tiziano per la cultura italiana ed europea.

Sommario

Introduzione, Stefan Albl, Sybille Ebert-Schifferer - I Baccanali di Alfonso i d’Este, Vincenzo Farinella - Il modello dei Baccanali nel collezionismo romano del Seicento. Antonio Barberini, Dosso Dossi e il camerino della pittura di Alfonso i d’Este, Patrizia Cavazzini - La prima riscoperta dei Baccanali: il ruolo di Annibale Carracci e di Giovanni Battista Agucchi, Silvia Ginzburg - “Contraffazioni tizianesche”? Albani, Domenichino and the Bacchanals, Catherine Puglisi - Poussin’s Bacchanals: Repetitions and Difference, Nicola Suthor - Reinventare Tiziano. Il Giardino di Venere di Pietro Testa, Stefan Albl - Un disegno licenzioso di Pietro Testa: gli Amori di Pan e Venere, Angiola Canevari, Giulia Fusconi - Anmutig, zierlich, schön: Tizians Amoretten und Sandrarts Teutsche Academie, Anna Schreurs-Morét - I Baccanali di Tiziano nella Venezia del Seicento, Bernard Aikema - La sopravvivenza delle favole antiche nella capitale perduta: una tradizione ‹quasi› interrotta, Cecilia Vicentini - Transformationen der Trunken­heit. Die Fortuna der Baccanali Tizians in Druckgraphik und Zeichenkunst des 17. Jahrhunderts, Dagmar Korbacher - Titian’s Tenderness in Translation. The Sculpted Putto between Rome, Antwerp, and Amsterdam, Joris van Gastel - Vin, musique et tempérance dans la peinture européenne de Titien à Valentin de Boulogne, Philippe Morel - Resonanzen. Bellori und die Baccanali Tizians, Elisabeth Oy-Marra - Filippo Baldinucci and a Copy of Titian’s Bacchanal of the Andrians, Alexander Röstel