FOTOGRAFARE BISANZIO

  • ARTE BIZANTINA E DELL’ORIENTE MEDITERRANEO NEGLI ARCHIVI ITALIANI
  • a cura di Antonio Iacobini e Livia Bevilacqua

  • Collana
    Milion. Studi e ricerche d’arte bizantina
  • Anno
    2022
  • Pagine
    440, con oltre 320 illustrazioni in b/n e 10 tavole a colori
  • Formato
    17 x 24 cm, brossura
  • ISBN
    978-88-85795-93-8

  • Prezzo
    € 50,00 € 47,50 Sconto 5%

I curatori

Antonio Iacobini è professore ordinario di Storia dell’arte bizantina alla Sapienza Università di Roma. I suoi interessi scientifici sono rivolti alla storia dell’architettura bizantina e medievale, da Costantinopoli a Venezia, alle porte di bronzo nel Medioevo, alla pittura, al mosaico e alla miniatura fra Oriente e Occidente, alla storia della storiografia artistica e al collezionismo, con progetti di ricerca condotti in collaborazione con l’Institut national du patrimoine e la Bibliothèque nationale de France.

Livia Bevilacqua è ricercatrice di Storia dell’arte bizantina alla Sapienza Università di Roma. Ha svolto attività di studio presso la Koç University, la Istanbul Üniversitesi, il Warburg Institute, le università Ca’ Foscari e IULM. Si interessa principalmente del reimpiego dell’antico a Bisanzio, di contatti e scambi artistici tra l’Italia e il Mediterraneo nel Medioevo e della committenza a Costantinopoli e nelle provincie dell’impero bizantino.

l’opera

Fotografare Bisanzio affronta il tema, sinora inesplorato, degli archivi italiani che custodiscono immagini fotografiche relative all’arte di Bisanzio e dell’Oriente mediterraneo. Tali raccolte iniziarono a formarsi già alla fine dell’Ottocento e furono avviate sulla scia di ricerche, missioni e campagne archeologiche di istituzioni e di singoli studiosi. Si tratta di un patrimonio molto prezioso, che offre una testimonianza unica sull’afterlife dei monumenti, la cui integrità spesso è stata alterata o è andata irrimediabilmente perduta a causa di interventi di ripristino, cataclismi naturali e guerre. Di pagina in pagina, di fotografia in fotografia, il lettore viene accompagnato – sulle orme di celebri personalità italiane e straniere – in un itinerario che si muove in una latitudine geografica vastissima: dai Balcani all’Anatolia, dal Caucaso alla Siria, dall’Egitto all’Italia. Il volume, oltre a presentare al pubblico giacimenti visivi di grande importanza storica, richiama l’attenzione su un tema generale di stringente attualità: il destino dei documenti su supporti fisici nell’era digitale e la necessità della loro salvaguardia come oggetti imprescindibili della memoria culturale.

Sommario

Premesse, Gaetano Lettieri, Antonio Rigo - Introduzione, Antonio Iacobini, Livia Bevilacqua - Fotografare Bisanzio, Antonio Iacobini - Il Centro di Documentazione di Storia dell’Arte Bizantina della Sapienza: dai viaggi di studio all’archivio digitale, Giovanni Gasbarri, Livia Bevilacqua - Il progetto sui marmi della Santa Sofia a Costantinopoli e il suo fondo fotografico nel Centro di Documentazione di Storia dell’Arte Bizantina della Sapienza, Alessandra Guiglia, Roberta Flaminio - Un precursore: Bernard Berenson e Bisanzio nell’archivio de I Tatti, Gabriella Bernardi, Spyros Koulouris - Sergio Bettini e l’arte bizantina. Viaggi di ricerca in Grecia e a Istanbul negli anni Trenta del XX secolo: fotografie e appunti di lavoro, Michela Agazzi - Friedrich Wilhelm Deichmann e Bisanzio nell’archivio fotografico del Deutsches Archäologisches Institut di Roma, Ralf Bockmann, Eva Staurenghi - Bisanzio negli archivi dell’Università di Bologna: dalla collezione Giuseppe Bovini all’archivio digitale BYZART – Byzantine Art and Archaeology on Europeana and Alma Digital Library, Isabella Baldini, Giulia Marsili - Elaiussa Sebaste in età tardoantica e bizantina. L’archivio di una missione archeologica della Sapienza in Turchia, Marcello Barbanera, Alessandro Taddei - L’Oltremare crociato nell’Archivio fotografico Cadei della Sapienza. Le missioni di studio dal 1990 al 1003, Pio Francesco Pistilli - Creta e le isole del Dodecaneso attraverso le fotografie di Giuseppe Gerola conservate a Venezia e a Trento (1900-1912), Spiridione Alessandro Curuni - Fo- tografare come ‘specchio’. L’Università della Tuscia nella Caria e nella Cappadocia bizantina, Maria Andaloro con Paola Pogliani - L’arte bizantina in Italia nei documenti dell’Archivio Centrale dello Stato: una mappa, Andrea Paribeni, Silvia Pedone - Gli archivi della pittura rupestre in Puglia: da Alba Medea a Cosimo Damiano Fonseca, Manuela De Giorgi - Ernst Kitzinger e i mosaici bizantini in Sicilia. Il fondo fotografico “Fosco Maraini” dell’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione tra esecuzione e archiviazione degli scatti, Benedetta Cestelli Guidi - Il Mediterraneo bizantino nei fondi fotografici del Pontificio Istituto Orientale di Roma, Vincenzo Ruggieri - La scuola torinese di Paolo Verzone e l’architettura bizantina in Asia Minore nei fondi fotografi- ci del Politecnico di Torino, Chiara Devoti, Enrica Bodrato - Adriano Alpago Novello e il Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena, Stefano Riccioni, Beatrice Spampinato - L’archivio fotografico del Progetto Georgia al Kunsthistorisches Institut di Firenze, Annette Hoffmann, Gerhard Wolf - Bisanzio e l’Oriente cristiano nel fondo Monneret de Villard dell’Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte, Silvia Armando, Massimo Pomponi - Dalla campagna di salvataggio dell’Unesco all’Archaeological Atlas of Coptic Literature: i monumenti cristiani dell’Egitto e della Nubia negli archivi fotografici delle missioni egittologiche della Sapienza, Paola Buzi – Abstracts – Indice dei nomi e dei luoghi, a cura di Rebecca Amendola